Produzione sostenibile

Quali conseguenze ambientali hanno i nostri 4 centri di produzione? A che punto siamo arrivati e in cosa possiamo migliorare? Una panoramica.

La nostra strategia ambientale

Negli ultimi anni nei 4 centri di produzione FRoSTA abbiamo creato un rapporto ambientale molto dettagliato, che evidenzia i settori in cui abbiamo ancora margine di risparmio. Per esempio, sappiamo che dal 2007 al 2015 abbiamo ridotto le emissioni di gas ad effetto serra del 13%. Entro il 2017 abbiamo in programma un'ulteriore riduzione del 5%.

A cadenza biennale pubblichiamo il bilancio ambientale della nostra azienda, dove riportiamo i nostri traguardi e gli obiettivi futuri.

Nel 2012 abbiamo firmato, come prima azienda, il Deutscher Nachhaltigkeitskodex.

Energia verde e progetti di risparmio energetico

Per la produzione e il magazzinaggio dei prodotti FRoSTA utilizziamo, dal 2011, solo energia verde delle centrali idroelettriche norvegesi, certificata al 100%. Il nostro obiettivo è ridurre il consumo totale di energia. Dal 2011 al 2015 siamo riusciti ad abbattere del 12,6% il consumo di energia specifico (in kWh/t prodotti finiti).

I progetti di risparmio energetico dei 4 centri di produzione hanno, senza dubbio, dato un contributo importante: ad esempio, impianti frigoriferi a recupero di calore, impianti di biogas, dove i resti delle verdure venivano subito riutilizzati e impianti fotovoltaici sulle celle frigorifere. Anche tutti coloro che utilizzano i camioncini aziendali sono tenuti ad un programma di risparmio energetico.

A partire dal 2012 sono stati fissati dei livelli massimi di CO2, che ogni anno vengono ulteriormente ridotti. Tutti sono tenuti a rispettarli, Amministratore delegato compreso. Chi, di propria iniziativa, sceglie un veicolo più piccolo di quello stabilito dal contratto, riceve come premio un bonus! Proprio per questo motivo, sia nel 2014 che nel 2015 siamo stati premiati con la Grüne Karte der Deutschen Umwelthilfe per la nostra strategia del parco veicoli, particolarmente sostenibile per l'ambiente.

Coltivazione in loco delle verdure/verdure a km 0

Coltiviamo le verdure locali, come spinaci, piselli, carote, fagioli, cavolo e altre erbe su campi che si trovano nelle immediate vicinanze di entrambi i nostri stabilimenti che lavorano le verdure. Questi sono nella valle dell'Elba e del Reno, quest'ultima soprannominata la “Toscana” tedesca. Grazie al clima mite, si coltiva anche il basilico. La vicinanza al centro di produzione fa sì che dal momento della raccolta fino a quando il prodotto finito viene congelato trascorrono, in media, meno di due ore.

Se si confronta questo metodo con quello del mercato dei prodotti freschi, si registrano aspetti positivi non solo in relazione ai valori nutritivi, che rimangono assolutamente inalterati, ma anche all'impatto ambientale di CO2. Tenendo conto dei trasporti e di tutta l'energia necessaria per congelare i prodotti, la carbon footprint delle verdure congelate è decisamente più contenuta rispetto a quella delle verdure fresche prodotte in serra.

Produzione trasparente...come il vetro!

Sostenibilità vuol dire anche trasparenza. È per questo che, nel nostro più grande centro di produzione a Bremerhaven, a marzo 2015 abbiamo deciso di abbattere il muro che divideva il reparto di produzione dei bastoncini di pesce dalla strada, sostituendolo con una lastra di vetro grandissima.

Dalla strada "Am Lunedeich" tutti possono guardare l'interno e vedere come prepariamo i bastoncini di pesce. Nessun trucco. Nessun segreto.

Vieni a dare un’occhiata!

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la Sua esperienza di navigazione ed i nostri servizi. Se continua a navigare considereremo accettato il loro utilizzo. Può ottenere ulteriori informazioni nella nostra pagina Cookie Policy.

Chiudere